I NOSTRI SERVIZI

Unità operativa di
chirurgia generale

U. O. di chirurgia generale.
Per informazioni, chiama il call center:

Prenotazione ricoveri:

chirurgiagenerale@clinicamediterranea.it

In alternativa compila il modulo per inoltrare la tua richiesta

L’unità operativa di chirurgia generale eroga prestazioni di diagnosi e cura a pazienti affetti da patologie chirurgiche, con particolare riguardo alla patologia oncologica di colon, retto e stomaco, prevalentemente con tecnica laparoscopica.

Vengono eseguiti inoltre interventi per carcinosi peritoneale, attraverso due metodiche: peritonectomia e chemioterapia ipertermica intraperitoneale (HIPEC) e mediante chemioterapia aerosolizzata intraperitoneale laparoscopica (PIPAC).

Con approccio laparoscopico viene trattata la calcolosi della colecisti e la calcolosi della via biliare. Vengono inoltre trattate le patologie della parete addominale: ernia inguinale, ernia su incisione (laparocele), ernia ombelicale o crurale.

I pazienti oncologici vengono inquadrati in percorsi diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA), che consentono iter agevolati attraverso tutte le fasi di diagnosi, di terapia, dei successivi trattamenti adiuvanti eventualmente necessari, e dei controlli di follow-up successivi.

La gestione post-operatoria segue i protocolli ERAS (enhanced recovery after surgery/recupero velocizzato post chirurgico) attraverso una precoce ripresa dell’alimentazione, l’immediata mobilizzazione post-operatoria, l’assenza di drenaggi e sondini nella maggior parte degli interventi, favorita ulteriormente dalla mini invasività con conseguente grande riduzione del dolore rispetto agli interventi tradizionali.

Le équipe medica ed infermieristica

  • garantiscono attenzione alle necessità del malato e alla qualità del servizio erogato;
  • utilizzano le più recenti conoscenze scientifiche (EBM, medicina basata sulla evidenza) e si avvalgono delle più moderne tecnologie, tra cui la chirurgia laparoscopica in 4K ULTRA-HD, che consente una magnificazione dell’immagine a vantaggio della precisione dell’intervento. A questa tecnologia si aggiunge l’impiego della visione in fluorescenza, particolarmente importante per gli interventi oncologici e per le valutazioni funzionali, che ha dimostrato di migliorare i risultati della chirurgia a breve e lungo termine;

  • pongono la relazione paziente-operatore al centro del processo di cura.

L’esistenza di un’equipe multidisciplinare, composta da anestesisti, cardiologi, radiologi, internisti e gastroenterologi, valuta in modo completo le eventuali comorbilità dei pazienti scegliendo il percorso di cura e le tecniche anestesiologiche più adeguate, con la moderna visione di un approccio “tailored” cioè cucito ad hoc su ogni singolo paziente.

La comunicazione bidirezionale e continua tra l’equipe medica, il paziente ed i suoi familiari, i medici di medicina generale, gli oncologi e gli altri specialisti di riferimento è una prerogativa dell’Unità Operativa ed è considerata elemento essenziale non solo per curare il paziente ma per prendersi cura di lui.

Esiste inoltre una sezione di chirurgia ambulatoriale e day-surgery. Un efficiente servizio di pre-ospedalizzazione consente a tutti i pazienti candidati all’intervento chirurgico di effettuare le indagini preoperatorie in maniera ambulatoriale, alcuni giorni prima del ricovero, in modo da ridurre la durata della degenza. I pazienti dimessi afferiscono, successivamente, all’ambulatorio chirurgico, dove sono seguiti fino alla completa guarigione.

L’equipe medica garantisce inoltre, fatto del tutto straordinario, una reperibilità telefonica 24 ore su 24 per rispondere alle esigenze dei pazienti e dei medici curanti nell’immediato postoperatorio.

Unità operativa di gastroenterologia

All’Unità di Medicina afferisce anche l’Unità di gastroenterologia e endoscopia digestiva della Mediterranea, che effettua routinariamente, anche su pazienti ambulatoriali, endoscopie diagnostiche ed operative, sia semplici che complesse, completamente indolori, in sedazione profonda o in narcosi completa, per la valutazione anatomica e funzionale degli organi dell’apparato digerente.

Lo scopo dell’Unità Operativa è il trattamento endoscopico e medico delle patologie gastroenterologiche con procedure all’avanguardia, assicurando ai pazienti controlli periodici clinici mirati. Oltre ai ricoveri, il servizio dispone anche di un ambulatorio di videoendoscopia digestiva, per l’esecuzione di ogni tipo di tecnica endoscopica diagnostica e operativa. Comprese, quelle sulle vie biliari per l’estrazione di calcoli o il posizionamento di protesi biliari o pancreatiche, la terapia endoscopica delle varici esofagee e la resezione di polipi del tubo digerente.

Le maggiori aree di interesse dell’U.O. di Gastroenterologia sono:

  • Malattie infiammatorie croniche intestinali
  • Malattie dell’esofago
  • Colonproctologia
  • EsofagoGastroduodenoscopia (EGDS) diagnostica ed operativa
  • Colonscopia diagnostica ed operativa
  • Rettosigmoidoscopia
  • Studio del piccolo intestino con videocapsula
  • Manometria anorettale
  • Manometrie dell’esofago
  • Urea Breath test
  • Estrazione di calcoli
  • Posizionamento di protesi biliari o pancreatiche
  • Trattamento delle varici esofagee
  • Resezione di polipi del tubo digerente

Attività chirurgica

Le maggiori aree di interesse dell’U.O. di Chirurgia Generale sono:

Tumori del colon-retto

Carcinosi peritoneale

Malattia diverticolare

Chirurgia dell’intestino tenue

Malattie dell’appendice

Calcolosi della colecisti e della via biliare

Chirurgia dello stomaco (tumore dello stomaco, malattia da reflusso gastroesofageo)

Chirurgia della milza

Tumori dell’ovaio

Malattie infiammatorie croniche intestinali

Patologia erniaria della parete addominale

Proctologia e pavimento pelvico

Chirurgia Laparoscopica

Oltre il 95% delle procedure chirurgiche addominali vengono effettuate nell’Unità Operativa con tecnica laparoscopica.

La chirurgia laparoscopica è una metodica mini-invasiva che permette di eseguire interventi chirurgici con cicatrici di dimensioni estremamente ridotte rispetto alla chirurgia tradizionale. L’accesso all’addome avviene attraverso delle piccole incisioni di circa 0,5-1cm attraverso le quali si introducono delle cannule (trocar) che consentono di inserire una telecamera ed i ferri chirurgici per procedere all’intervento. La tecnologia ad alta definizione (HD) magnifica le immagini consentendo una visione di gran lunga superiore a quella consentita dall’occhio umano. L’impiego della fluorescenza che si ottiene iniettando per via endovenosa o all’interno del tumore particolari sostanze rese visibili attraverso una speciale luce, consente di evidenziare strutture anatomiche e tessuti tumorali (ad esempio all’interno dei linfonodi) che altrimenti non sarebbero visibili ad occhio nudo.

I vantaggi della chirurgia laparoscopica sono molteplici:

  • Ridotto dolore postoperatorio per una riduzione dell’estensione delle incisioni sia cutanee che sulla parete muscolare dell’addome. La preservazione dell’integrità muscolare consente al paziente di mantenere una migliore funzionalità respiratoria e riduce di conseguenza i rischi di complicanze respiratorie postoperatorie.

  • Ridotta perdita di sangue conseguente ad una tecnica chirurgica più rispettosa dell’anatomia con riduzione dell’impiego di trasfusioni, effetto particolarmente desiderabile nei pazienti operati per patologia oncologica.

  • Ridotto rischio di infezione delle ferite e di ernie su incisione.

  • Cicatrici chirurgiche molto piccole con un ovvio vantaggio estetico.

  • Riduzione della necessità di assunzione di farmaci antidolorifici.

  • Rapida ripresa della funzionalità intestinale e dell’alimentazione.

  • Rapido recupero delle attività lavorative e sportive.

  • Riduzione della degenza (l’Unità Operativa ha una degenza media di 3 giorni).

Oltre a tutti questi vantaggi visibili, ci sono anche innumerevoli vantaggi meno evidenti ma non meno rilevanti. La laparoscopia consente infatti, di ridurre la risposta infiammatoria dovuta alla produzione di sostanze proinfiammatorie da parte dell’organismo a seguito dell’insulto provocato dall’intervento chirurgico. Queste sostanze riversate in circolo possono essere responsabili di uno stato di malessere nell’immediato postoperatorio che invece è assente nei pazienti sottoposti ad intervento laparoscopico.

I nostri medici

Ponzano Cecilia

Dott.ssa Cecilia Ponzano
Responsabile Chirurgia Generale e Oncologica   |   Resp. U.O. Chirurgia Generale
VAI AL CURRICULUM

Cortino Giuseppina

Dott.ssa Giuseppina Cortino
Chirurgia Plastica

Gualtieri Giorgia

Dott.ssa Giorgia Gualtieri
Chirurgia Generale

Thomas Guglielmo

Dott. Guglielmo Thomas
Chirurgia Generale

Thomas Renato

Dott. Renato Thomas
Chirurgia Oncologica

Prenota una visita medica

Hai bisogno di una visita medica specialistica? Prenota ora per fissare un appuntamento con la nostre equipe medica. Compila il form e inoltra la tua richiesta. I nostri operatori ti ricontatteranno al più presto per stabilire il giorno e l’orario più comodi per te.

Font Resize